Arnone e la tessera del PD. Si rivolgerà al Tribunale

Giuseppe Arnone ha rotto gli indugi ed ha depositato, con i suoi legali, il ricorso d’urgenza ex art. 700 c.p.c. finalizzato alla restituzione della tessera ed alla partecipazione quale candidato a sostegno di Franceschini e Lupo alle Primarie del Partito Democratico del 25 ottobre prossimo.

Il ricorso verrà illustrato da Arnone alla stampa domani mattina, alle ore 10:30, nel corso dell’incontro con i giornalisti che si terrà presso il suo studio legale, ad Agrigento, in Via Minerva 5.

Arnone, nel commentare la sua decisione di presentare il ricorso, ha dichiarato: “La Commissione Regionale di Garanzia doveva riunirsi per decidere sulla mia tessera lo scorso 19 settembre, la riunione è andata a vuoto ed è stata rinviata al 24 settembre, poi dal 24 al 26 e adesso è fissata per il 2 ottobre. A motivare questi incredibili rinvii è stata la presunta impossibilità del professor Bivona, designato – che coincidenza! – da Capodicasa e Crisafulli, ad essere presente. Se il 2 ottobre non riavrò la tessera dalla Commissione deciderà, come da giurisprudenza costante della Cassazione, il Tribunale ordinario. Ho dovuto depositare il ricorso già adesso per far fissare l’udienza entro la prossima settimana ed avere così il tempo per le necessarie notifiche e rispettare la scadenza del 12 ottobre per essere ammesso alle Primarie”.