Consegnati i premi “Martoglio”

Premio martoglio 046Grande partecipazione di pubblico ieri sera nella Piazza Umberto I di Grotte dove si è svolta la cerimonia di consegna relativa alla VII^ edizione del Premio “Nino Martoglio”.  L’evento, ideato e diretto da Aristotele Cuffaro, ha riscosso ampi consensi di partecipazione e di critica e ha visto sul palcoscenico qualificate personalità del mondo della cultura. La realizzazione del Premio. che si deve all’impegno e alla sensibilità degli enti locali, é cresciuta in autorevolezza e in qualità affermandosi come uno degli appuntamenti più attesi della nostra provincia. La manifestazione, aperta con i saluti del Sindaco di Grotte Paolo Pilato e la relazione dell’Assessore alla Cultura Domenico Criminisi, si è pregiata del contributo di una qualificata giuria composta dai Professori Salvatore Di Marco (Presidente), Tommaso Romano, Nino Agnello, Domenico Galletto, Salvatore Mugno, Alfio Patti e dal Dott. Antonio Liotta (editore). Hanno preso parte alla manifestazione anche numerosi rappresentanti istituzionali tra i quali l’Onorevole Giuseppe Ruvolo e il Prof. Santino Lo Presti i quali hanno espresso apprezzamento per il significato altamente formativo di un evento che mostra il volto più operoso e sano della Sicilia. La serata, presentata da CarmeloLazzaro, è stata impreziosita dagli interventi artistico-musicali abilmente eseguiti da Denise Licata con l’accompagnamento strumentale di Enrico Castronovo ed Ennio Sanfilippo. Momento di spicco della cerimonia è stato la consegna del Premio speciale “Nino Martoglio” all’attore Valentino Picone in rappresentanza del duo comico Ficarra e Picone, che hanno ricevuto il riconoscimento quali artisti rappresentativi della “sicilianità” nel panorama artistico-cinematografico internazionale (individuati dal Dott. Gregorio Napoli, critico cinematografico, quale membro speciale della Giuria). Il premio è stato consegnato con la seguente motivazione di merito: “Nella scia luminosa dei grandi binomi cinematografici – da Gianni e Pinotto, a Stan Laurel e Oliver Hardy, ma con un privilegio al trio dei fratelli Marx – Salvo Ficarra e Valentino Picone tengono alto il vessillo del sorriso, affermando con il reverendo scrittore Laurence Stern che l’umorismo “aggiunge un filo alla trama della vita”. Altro Premio Speciale è andato all’azienda Mancuso Gelati (Mancuso Gelati e Sicily Food) quale realtà imprenditoriale rappresentativa della “sicilianità” nel panorama economico-commerciale internazionale: Il riconoscimento è stato consegnato con la seguente motivazione:”Amore per la propria terra e capacità imprenditoriale rendono l’azienda Mancuso Gelati  ambasciatrice nel mondo intero delle tradizioni e della cultura, non solo gastronomica, della nostra Sicilia culla di sapori e civiltà”.

Il “Premio Martoglio” per la poesia dialettale è stato attribuito alla terna di finalisti composta da Piero Carbone, Giovanna Vindigni e Piero Bonanno Conti ai quali sono state attribuite le seguenti motivazioni:

Motivazione per il conferimento del Premio “Martoglio” a Piero Carbone, per la silloge “Venti di sicilinconia”: ”La silloge, che presenta un evidente profilo poematico, è dotata di una struttura espositiva e architettonica estremamente moderna, pur mantenendo spesso una organizzazione metrica e dei ritmi interni di grande efficacia comunicativa. Con un linguaggio poetico che riflette la chiarezza del dettato, assicurandone così la immediata comprensione nella lettura, il dialetto coniuga strettamente e in sintonia le sue ancestrali radici lessicografiche con l’espressione orale dei nostri tempi. Le venature malinconiche e il sigillo di una ben pronunciata sicilianità spirituale e culturale del poeta, conferiscono alla raccolta “Venti di sicilinconia” il segno di una interessante suggestiva liricità.

Motivazione per il conferimento del Premio “Martoglio” a Giovanna Vindigni,
per la silloge “Staciuni”: “Si tratta di una silloge che riunisce un corpus di diciannove componimenti poetici i quali hanno in comune, se non un medesimo terreno tematico, certamente l’afflato lirico di uno stesso persistente sentimento: la malinconia, la memoria di luoghi e tempi lontani, la nostalgia verso tutto ciò che lo scorrere del tempo, e il maturare di mutevoli esperienze esistenziali, lasciano impallidire e quindi smarrirsi sugli orizzonti del presente. Il poeta predilige composizioni liriche lungamente articolate – cioè di prolungata stesura  – ma contrassegnate dal ritmo tagliente di versi in breve, contratta cifra, le quali trasferiscono il senso della scansione battente, discontinua, spezzata. Tuttavia la dolcezza del dialetto antico e risignificato, rende la silloge un apprezzabile documento di moderna poesia dialettale”.

Motivazione per il conferimento del Premio “Martoglio” a Mario Bonanno Conti,  per la silloge “Siritina ti stati”:“E’ una silloge di sapiente e consapevole impianto costruito si canoni essenziali dell’attuale (tuttora) tardo-novecentesca poesia neo-dialettale. Su tale base il dialetto dell’autore non riflette più l’immutata vocazione etno-antropologica del suo lessico tradizionale, ma si propone direttamente come lingua dell’atto poetico. In tutto ciò l’autore avverte padronanza significativa dei nuovi canoni letterari nonché raffinata perizia. Lo stile delle poesie è illuminato – nelle sue soluzioni formali – dalla grande lezione del post-ermetismo italiano, mentre la gamma delle occasioni ispirative è data da una intensa e commossa poetica dei luoghi e della natura. Un clima di bella serenità si espande in questa pregevole silloge”.

Durante la cerimonia di consegna dei premi Piero Carbone è stato anche proclamato vincitore del contratto editoriale gratuito con la casa editrice “Medinova” che assicurerà la pubblicazione e la diffusione della raccolta.
Un attestato di merito è stato conferito a Margherita Biondo quale artista poliedrica, ambasciatrice della cultura siciliana attraverso le forme espressive del cromatismo tematico. Alla Biondo, la quale in occasione del premio ha allestito una mostra personale di pittura visitabile sino al prossimo 4 ottobre presso il Piano Nobile del Palazzo Comunale, è stata attribuita la seguente motivazione: “Per la qualità espressiva della sua creatività, la rigorosa ricerca di metodo e l’attenta percezione del linguaggio artistico con cui palesa le verità psicologiche dei propri personaggi realizzati con una oculata scelta grafica grazie alla continua cura di una certa espressione cromatica sostanziale che fa trasparire, nella varietà dell’incarnato, emozioni e stati d’animo che conferiscono al dettato della forma la realtà palpitante della vita”.

A tutti i suddetti premiati è stato consegnato il Trofeo “Martoglio”, scultura opera dell’artista Salvatore Cipolla.

La manifestazione si è conclusa con l’intervento dell’organizzatore del Premio Aristotele Cuffaro.

[nggallery id=63]