Ai bresciani Pedersoli – Romano (Peugeot 206 wrc) il 19° Fabaria Rally

Dopo una gara ricca di colpi di scena e selettiva, l’equipaggio bresciano composto da Luca Pedersoli e Matteo Romano (Peugeot 206 Wrc) si sono aggiudicati il 19° Fabaria Rally-24° Rally dei Templi”, nona prova del Trofeo Asfalto Rally, disputatasi in provincia di Agrigento. Con questo successo – il primo stagionale – l’equipaggio della Vieffe Corse si è portato al terzo posto in classifica nella serie nazionale, che si concluderà il 4 Ottobre a Taormina. La vittoria nel Trofeo è andata all’aostano Elwis Chentre, che – pur iscritto – ha rinunciato a partecipare alla gara agrigentina, considerata l’assenza dei suoi rivali nella lotta al titolo, Porro e Re.

Pedersoli aveva iniziato il rally con un testacoda nella prima prova speciale, con conseguente spegnimento del motore, che gli ha fatto perdere oltre 28”, e concludendo al sesto posto. Nella stessa prova si ritirava per uscita di strada il suo principale avversario, l’agrigentino Alfonso Di Benedetto (Peugeot 206 Wrc), ed era quindi il fratello di quest’ultimo, Davide, a prendere il comando della gara, su una Peugeot 207 Super 2000. Davide Di Benedetto vinceva poi altre due prove speciali, ed una era appannaggio di Pedersoli; si arrivava quindi alla quarta prova con Di Benedetto leader con 40” di vantaggio sul rimontante Pedersoli. Ma nella quinta speciale Di Benedetto si deconcentrava ed usciva di strada, dovendosi quindi ritirare.  Per Pedersoli si spianava la strada per il successo, con altre quattro vittorie in p.s. (l’ultima è andata a Nucci).

Le altre posizioni del podio sono state occupate dal favarese Giuseppe Patti (secondo su una Grande Punto Abarth Super 2000), staccato di 41”9,  e dai giovani cefaludesi Runfola-Tripolini, terzi assoluti e primi nel Gruppo R su Renault Clio R3, che proprio nell’ultima speciale hanno scavalcato Morreale-Bosco (Renault Clio Super 1600). I più veloci fra le vetture del gruppo N sono risultati gli agrigentini Nucci-Gelardi (quinti assoluti su Mitsubishi Lancer Evo IX), davanti al calabrese Francesco Laganà (Mitsubishi Lancer Evo X), il quale si avvicina così in classifica di campionato al pordenonese Fabrizio Martinis (a Favara terzo di gruppo su Renult Clio R).

La gara – organizzata dal “Favara Rally Team”, con la collaborazione dell’Automobile Club Agrigento – è stata portata a termine da 35 dei 65 equipaggi partiti.

La classifica: 1. Pedersoli-Romano (Peugeot 206 Wrc) in 1h13’22”5; 2. Patti-Cambria (Grande Punto Abarth) a 41”9; 3.  Runfola-Tripolini (Renault Clio R3) a 1’22”9; 4. Morreale-Bosco (Renault Clio S1600) a 1’40”9; 5. Nucci-Gelardi (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 2’15”6; 6. Laganà-Guzzardi (Mitsubishi Lancer Evo X) a 2’32”5; 7. Centinaro-Avenia (Renault Clio S1600) a 4’32”6; 8. De Francisci-Salvato (Peugeot 106 Rally) a 5’09”8; 9. Martinis-Vigna (Renault Clio Rs) a 5’21”0; 10. Milioti-Di Liberto (Renault Clio Super 1600) a 5’36”4.