Confindustria: al via il “ritiro” dei giovani imprenditori siciliani

Una intensa due giorni di incontri e dibattiti per definire l’agenda politica e programmatica dei Giovani di Confindustria Sicilia e per concordare le iniziative da attivare nei prossimi mesi: le nove sezioni territoriali siciliane si riuniranno nella suggestiva cornice del Verdura Golf Resort di Sciacca il 12 e 13 settembre, in vista del Convegno Nazionale di Capri che si terrà a fine ottobre. La scelta della location è ricaduta sul territorio saccense proprio per la sua vocazione turistica e per la qualità delle strutture alberghiere.

E’ un’agenda ricca di temi e questioni da affrontare, afferma il Presidente dei Giovani di Agrigento Marilena Barbera: si parlerà della situazione economica e politica sia regionale che nazionale, anche alla luce dei dati resi noti dal Centro studi di Confindustria questa settimana. Infrastrutture ed energia sono opportunità irrinunciabili per l’economia siciliana, sulle scelte di oggi si giocherà infatti la nostra competitività nei prossimi anni.

Fondamentale è il ruolo che verrà giocato dal sistema del credito, sottolinea ancora Marilena Barbera: il settore bancario dovrebbe supportare le aziende in un periodo di grande difficoltà finanziaria e ricoprire con responsabilità il ruolo di partners delle imprese, sostenendo i settori produttivi in vista della ripresa dell’economia. Per questo motivo dal ritiro dei Giovani ci aspettiamo l’elaborazione di azioni ancora più incisive, che servano da stimolo per l’immediata applicazione del protocollo recentemente firmato da ABI e sindacati per la sospensione dei debiti delle piccole e medie imprese verso il sistema creditizio.

Giuseppe Catanzaro, Presidente di Confindustria Senior della Provincia, rilancia sulla burocrazia regionale che in alcuni casi risulta priva di trasparenza e di efficacia, con ciò danneggiando tutti coloro che, all’interno della pubblica amministrazione, lavorano tra grandi difficoltà al fianco delle imprese. Spesso la pessima burocrazia e la mancanza di guida politica rischiano di mettere in difficoltà le aziende in un momento queste avrebbero bisogno di procedure semplici, di certezza e celerità dei pagamenti e di un sistema amministrativo snello e flessibile.

Ma altri temi sono all’ordine del giorno: Giorgio Cappello, Presidente Regionale dei Giovani, sottolinea l’impegno di Confindustria per l’internazionalizzazione dell’impresa siciliana e per il necessario coordinamento tra impresa e mondo della formazione: spesso infatti la crisi di competitività viene accentuata dall’assenza di innovazione, dovuta allo scollamento che si crea tra università e mondo del lavoro. Affrontare con responsabilità e creatività questi temi, continua Cappello, ci farà arrivare preparati all’impegno nazionale di Capri, dove si discuterà dell’impegno programmatico dei Giovani di Confindustria quale classe dirigente di domani.