Al cinema dall’11 settembre

Drag Me to Hell- posterDrag me to hell

Dopo l’avventura “fumettistica” di Spider- Man, il regista Sam Raimi torna al suo primo amore: l’horror visionario e dark, intriso di humour macabro, maledizioni, incubi infernali e con riferimenti alla crisi economica globale.  Protagonista e “scream queen” di questa sua nuova fiaba dark, la brava e versatile Alison Lohman.

Christine (Alison Lohman) è una giovane bancaria, famosa per la sua disponibilità e il suo buon cuore verso i clienti bisognosi di prestiti.  La sua gentilezza viene scambiata ovviamente per debolezza e, in tempi di crisi, i dirigenti della banca vorrebbero un comportamento più rigido e professionale. Alla bella Christine non resta che fare buon viso a cattivo gioco e così, quando si presenta alla sua scrivania la vecchia signora Ganush (Lorna Raver), in difficoltà col mutuo della propria casa, la ragazza le rifiuta nettamente un prestito senza garanzie. E da quel momento, per Christine comincia l’incubo…La vecchia cliente in realtà è una temibile strega, che lancia alla ragazza una terrificante maledizione.

Un cast di bravi professionisti, low budget e grande attenzione per l’atmosfera, che suggestiona con ombre, giochi di luce, colonna sonora, apparizioni improvvise, movimenti di macchina costruiti ad arte, senza effetti speciali milionari.

Il grande sogno

Presentato proprio in questi giorni alla  Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica di Venezia, approda anche al cinema l’ultima opera di Michele Placido, ispirata al ’68, l’anno degli ideali, del (grande) sogno, delle contestazioni giovanili e della speranza di un mondo diverso e migliore, l’anno che rappresenta meglio la generazione e la giovinezza dello stesso regista. Placido si è ispirato anche alla propria esperienza, inserendo nella storia alcuni riferimenti autobiografici (anche lui come il protagonista, suo alter-ego, ha lavorato in polizia prima di dedicarsi alla recitazione).

Roma, 1968. Nicola (Riccardo Scamarcio) è un sognatore, un ragazzo pugliese giunto nella capitale con l’idea di diventare  attore. Prima di frequentare l’Accademia d’Arte Drammatica, però, si arruola in polizia e viene coinvolto nelle manifestazioni giovanili.  Infiltrato come agente sottocopertura nel mondo degli universitari contestatori, conosce  due persone che cambieranno la sua vita : Laura (Jasmine Trinca) ragazza sensibile e idealista che crede fortemente nell’utopia di un futuro senza ingiustizie, di cui Nicola si  innamora perdutamente, e Libero (Luca Argentero), carismatico leader del movimento studentesco.

G.I. JOE- La nascita dei Cobra

Action-thriller adrenalinico, pieno zeppo di effetti speciali spettacolari e acrobazie di ogni tipo.

In un ipotetico futuro, la protezione dell’intero pianeta e di tutta l’umanità è affidata alla G.I JOE ( acronimo di Global Integrated Joint Operating Entity) una squadra speciale segreta anti-terrorismo, composta da soldati efficientissimi e pronti ad affrontare qualunque situazione, tra cui il leale Duke (Channing Tatum), l’intelligentissima Scarlett (Rachel  Nichols) e il simpatico Ripcord (Marlon Wayans). La squadra è costretta ad entrare in azione quando un’organizzazione criminale paramilitare, finanziata dal mercante d’armi scozzese James McCullen (Christopher Eccleston) compie una serie di attentati terroristici (ai danni anche della Tour Eiffel)  e minaccia di conquistare il mondo grazie ad un’armata di mercenari geneticamente modificata. Tra i cattivi anche Joseph Gordon Levitt  e Sienna Miller negli affascinanti panni della Baronessa.