Palma di Montechiaro, avviati i lavori per il nuovo Commissariato di PS. Intervista a Rino La Mendola

posa_pietra_palmaSono stati avviati a Palma di Montechiaro i lavori per la costruzione di una nuova sede del commissario di Polizia.
Il capo del Genio civile, Rino La Mendola, alla presenza del vice prefetto Diomede, del sindaco di Palma di Montechiaro, Rosario Gallo, del presidente della Provincia Eugenio D’Orsi e del questore Girolamo Di Fazio, ha illustrato i lavori previsti per la realizzazione del presidio. A tal proposito abbiamo intervistato il capo del Genio Civile.

Architetto La Mendola, dopo la prima pietra per la costruzione della Caserma che ospiterà la Tenenza dei Carabinieri di Palma, martedì scorso abbiamo assistito alla cerimonia  per l’avvio dei lavori di costruzione del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Palma di Montechiaro. Quale è il ruolo del Genio Civile in ambedue i lavori?

Intanto vorrei sottolineare che il Genio Civile è ben lieto di offrire ancora una volta le professionalità di cui dispone a supporto dell’importante progetto di radicare progressivamente le forze dell’Ordine sul territorio provinciale, soprattutto  in zone nevralgiche, come Palma di Montechiaro o come Favara.

avvio-lavori-comm-Ps-2

Per rispondere alla sua domanda,  in ambedue i lavori  sopra menzionati, il Genio Civile ha approvato il progetto, ha appaltato le opere da realizzare (a seguito degli esiti delle rispettive aste pubbliche esperite dall’UREGA), ha depositato i calcoli statici delle strutture e, soprattutto, curerà la direzione dei lavori.

Entrando nel merito dei lavori di costruzione del nuovo Commissariato di Palma di Montechiaro, ci descrive  sommariamente il percorso politico/amministrativo attraverso il quale siamo giunti alla posa della prima pietra?

I lavori, su apposita istanza della Questura, sono stati finanziati nel 2005 dalla Giunta Regionale, all’epoca presieduta dall’On. Cuffaro, per un importo complessivo di tre milioni di euro, utilizzando i fondi dell’art. 38 dello Statuto.

Nel 2005, dunque, è stato tracciato un percorso che, ha fatto registrare parecchie tappe:

dall’affidamento dell’incarico di Giugno 2006 all’Ing. Moscoloni  di Palermo, per la redazione del progetto esecutivo, all’approvazione del progetto di Ottobre 2007, passando per una serie di conferenze di servizi attraverso le quali la Questura ha più volte preso visione del progetto in cantiere, formulando, di volta in volta, suggerimenti per  garantire alta efficienza al commissariato, in relazione ai servizi che lo stesso avrebbe dovuto assicurare.

Infine, l’UREGA, nel 2008, ha esperito l’asta pubblica, aggiudicando l’appalto all’Associazione Temporanea di Imprese  che ha già avviato  i lavori,  che dovranno essere completati, come stabilito dal capitolato speciale d’appalto, entro diciotto mesi e pertanto entro la primavera 2011.

Può descriverci brevemente  l’edificio in costruzione?

L’opera  sarà  costruita, sul lotto trapezoidale di terreno, esteso  circa 4.310 metri quadri e compreso tra  la via Sotto Tenente Palma (a monte) e la via Brodolini (a valle).

L’edificio in costruzione si articolerà in  due elevazioni fuori terra  (piano terra e primo piano) ed un piano interrato.

Nel  piano interrato troveranno posto l’autorimessa, il tunnel balistico (di cui sono previste le sole opere murarie), magazzini, depositi (come il  locale scarico armi) ed il locale  che ospiterà  il gruppo elettrogeno.

Al piano terra, saranno concentrate tutte le funzioni operative, sia quelle aperte al pubblico che quelle riservate.

Il piano primo è invece  interamente destinato agli alloggi del personale (10 camere con due posti letto), alla cosiddetta “zona benessere” , composta da tre sale da adibire ad attività di svago e di soggiorno con annessi servizi igienici ed, infine, all’alloggio per il Dirigente, separato dal resto della struttura con scala ed accesso indipendente, esteso  circa 125 metri quadri.

Per la costruzione dell’edificio quale tipo di struttura viene prevista?

Le strutture dell’edificio saranno del tipo intelaiato in cemento armato, con solai latero-cementizi, con travetti in c.a. precompresso,  mentre le fondazioni saranno del tipo diretto, con travi rovesce, adeguatamente dimensionate.

I calcoli statici sono stati redatti in conformità alla normativa sismica, introdotta dal DM 14 Settembre 2005, utilizzando dunque  il metodo degli stati limite; metodo che meglio garantisce “la gerarchia delle deformazioni”, migliorando notevolmente la prestazione della struttura in caso di sisma.

Ricapitolando, attraverso l’efficienza e la competenza dell’Ufficio del Genio Civile, in meno di due anni, in provincia  potremo fruire di nuovi locali per la Tenenza dei Carabinieri di Favara e per il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Palma di Montechiaro.

Il Genio Civile ha fatto e continuerà a fare la sua parte, grazie alle eccellenti professionalità di cui dispone,  ma i maggiori meriti vanno attribuiti  alle istituzioni competenti, come il Comando Provinciale dei Carabinieri  (per Favara) e come la Questura (per Palma di Montechiaro),  per avere costantemente stimolato la politica  affinché venissero finanziati i lavori di costruzione dei due edifici, che  ospiteranno altrettanti importanti  presidi di legalità. Meriti particolari sono da attribuire, infine, a chi ha proficuamente emesso i provvedimenti  di finanziamento dei due lavori sopra citati.