Consiglio comunale, seduta infruttuosa. Se ne riparlerà domani

Si rinvia tutto a Palazzo dei Giganti. Esaminati, discussi e poi rinviati i tre punti all’ordine del giorno del consiglio comunale. Serata quindi piuttosto infruttuosa, anche per colpa dell’amministrazione che ha presentato una delibera risultata poi incompleta e ritirata. Ma al voto non arriva neppure il nuovo regolamento sul servizio di raccolta della spazzatura. Il consiglio comunale infatti intende prima sentire le associazioni dei consumatori, i sindacati, le associazioni di categoria e persino la consulta diocesana, prima di determinare i criteri per stabilire chi tra gli utenti ha diritto ad agevolazioni nel pagamento, a riduzioni o ad esenzioni. Tra l’altro un recente intervento della Corte Costituzionale ha stabilito che la Tarsu non è una tariffa, ma una tassa e non bisogna applicare l’IVA. Anche questo costringe il consiglio comunale a fare ampie modifiche al regolamento. Si discuterà dell’argomento a partire dalla fine di ottobre. Comunque deve essere approvato entro il 31 dicembre. Nulla di fatto anche per quanto riguarda la discussione sull’alienazione dei beni appartenenti al Comune. La giunta ha approvato ed ha passato all’aula consiliare una delibera che presenta solo l’inventario dei beni. L’assessore Volpe ha precisato che già fare l’inventario è stato un impegno serio e difficile per gli uffici. L’ultimo inventario risale al 1998. Lo stesso direttore generale del Comune però ha fatto presente che la delibera andava sospesa attendendo la conclusione dei lavori di una commissione che deve stabile tra l’altro i valori degli immobili che andranno venduti. I consiglieri comunali pertanto,in considerazione del fatto che la delibera non è completa hanno chiesto all’amministrazione di ritirarla. Proposta che è stata accettata. Rinviata anche la discussione su due debiti fuori bilancio perché non erano pronti gli atti. Dopo appena due ore di consiglio, alle 21.40 la seduta è stata tolta. Prossimo consiglio comunale domani alle ore 19