Raffadali, Cuffaro contro Girgenti Acque: “C’è un limite a tutto”

Il sindaco di Raffadali Silvio Cuffaro
Il sindaco di Raffadali Silvio Cuffaro

“Il ritardo e l’immobilismo di Girgenti Acque, chiamata a più riprese ad intervenire per effettuare la manutenzione sull’impianto di depurazione, non sono più tollerabili. Qui c’è in gioco la salute dei cittadini”. Il sindaco Silvio Cuffaro “bacchetta” duramente la società che si occupa della gestione idrica a Raffadali. “Sono seriamente  preoccupato – dice il sindaco – per l’incolumità pubblica. Sia il cattivo odore emanato dall’impianto che i liquami  accumulati nel vicino vallone possono provocare danni alla salute dei raffadalesi. Continuo a  ricevere numerose segnalazioni e lamentele da parte dei cittadini che abitano nei pressi della struttura, stanchi e anch’essi molto preoccupati. Io con la Girgenti Acque ho sempre avuto un rapporto di grande cordialità istituzionale e di disponibilità – aggiunge Cuffaro –  ma c’è un limite a tutto. Mi auguro che in tempi rapidissimi il problema venga risolto. Della vicenda, comunque, investirò subito l’ufficio competente dell’azienda sanitaria provinciale affinché provveda ad analizzare campioni di acqua per verificare se ci sono rischi per la popolazione, pericoli per l’incolumità pubblica. Non posso stare più ad aspettare – evidenzia il sindaco – il dovere morale e istituzionale mi impongono di adoperarmi urgentemente per salvaguardare la mia comunità. C’è addirittura già pronto un finanziamento presso l’agenzia regionale per rifiuti e le acque – conclude il sindaco di Raffadali – che consentirà di mettere a  norma l’impianto di depurazione. Che Girgenti Acque lo acquisisca e programmi  con tempestività i necessari interventi”.