Vittoria Giunti, la “Donna di tutte le terre”

Si svolgerà il 5 settembre 2009, alle ore 18,00 in piazzetta San Francesco ad Agrigento l’incontro-dibattito “Donna di tutte le terre” dedicato alla vita di Vittoria Giunti, partigiana comunista e compagna di vita di Totò Di Benedetto medaglia d’oro della resistenza.

Interverranno Rosalda Passarello, assessore comunale al Comune di Agrigento, Gaetano Alessi, curatore del libro “Le eredita’ di Vittoria Giunti. Alfonso Gueli, dell’associazione culturale Labirinti e curatore del video sulla vita di Vittoria Giunti e del marito Toto’ Di Benedetto, e Mimmo Cassaro, nipote di Vittoria Giunti.
Sono previsti gli interventi artistici di  Lia Rocco.
Coordinerà il dibattito Giovanna Grisafi, presidente dell’associazione culturale arci  John Belushi
L’incontro è organizzato in collaborazione con il Comune di Agrigento, Libreria Capalunga, Fabbriche Chiaramontane ed il  quotidiano on line “Adest”

CHI ERA VITTORIA GIUNTI

Vittoria Giunti (Arezzo 14/12/1917 – Raffadali 02/06/2006)

Partigiana comunista dirigente del PCI, durante la Costituzione, è stata componente di diverse commissioni, tra cui quella per il voto alle donne. Ha diretto la Casa della Cultura a Milano. Nel 1956 diviene la prima sindaco della Sicilia nel Comune di Santa Elisabetta (AG).

Eccellente matematica, ha studiato all’Università di Roma frequentando l’istituto di Alta matematica. Prima dell’impegno politico nella Resistenza è stata assistente all’Università di Firenze. Tra le direttrici della Rivista “Noi Donne”. Nel 1945 arrivò a Raffadali, comune agricolo in provincia di Agrigento, da poco sposa del partigiano raffadalese Salvatore Di Benedetto. Vittoria Giunti è stata protagonista delle lotte sociali per l’emancipazione del popolo raffadalese in particolare e di quello di altri comuni della provincia agrigentina. A fianco del marito (esponente di primo piano della vita politica siciliana, per molti anni Sindaco di Raffadali e parlamentare nazionale) ha vissuto la propria passione politica e il proprio personale impegno per la legalità e contro la mafia, l’affermazione dei diritti umani e l’emancipazione femminile.