Arnone, plauso al Questore per ordine pubblico a San Leone

arnone31“Merita un pubblico plauso il questore di Agrigento Girolamo Di Fazio che, di concerto con l’amministrazione comunale, sta profondendo ogni possibile sforzo per garantire  l’ordine pubblico e conseguentemente la serenità e la sicurezza durante le  notti sanleonine: i settanta uomini all’uopo impegnati hanno di fatto posto fine, soprattutto nelle ore notturne del sabato e della domenica, a risse, episodi di teppismo  e violenze di vario genere”.

Così si esprime il consigliere comunale del Partito Democratico Giuseppe Arnone nel  commentare i risultati, invero assai proficui sotto il profilo dell’efficacia, dell’azione “a tutto campo” che i tutori dell’ordine e della sicurezza pubblica stanno conducendo per garantire ai villeggianti, ai turisti ed ai residenti di San Leone di trascorrere in tutta serenità quest’ultimo scorcio di estate.

Per il consigliere Arnone “le notti di San Leone hanno finalmente assunto una dimensione più giusta e confacente al desiderio delle migliaia di agrigentini e non che ogni giorno di ogni estate si riversano nella nostra frazione balneare per trascorrere qualche ora di sano svago in completa serenità. Il grande impegno profuso dalle Forze dell’Ordine coordinate dal Questore di concerto con l’Amministrazione Comunale di Agrigento – continua Arnone – ha infatti restituito la nostra località balneare alla normalità, una normalità  che non comporta affatto l’assenza di possibilità di divertimento per giovani e meno giovani ma che anzi, ponendo un deciso freno ai comportamenti irrispettosi delle leggi e delle regole della convivenza civile, determina le condizioni indispensabili per attrarre un numero sempre più alto di fruitori del nostro territorio”.

E la riflessione di Arnone si appunta in particolare sulle regole imposte ai gestori di quei locali pubblici che, per loro stessa natura, non possono non ritrovarsi in una località di villeggiatura ma che proprio per questo devono tenere conto tanto delle esigenze dei loro avventori quanto del sacrosanto diritto alla quiete di tutti: “Rispettare tassativamente gli orari di chiusura e limitarsi nella diffusione di rumori molesti di vario genere, soprattutto musiche ad alto volume, come pure nella somministrazione al pubblico di bevande ad alto tasso alcolico, non può che contribuire a migliorare la qualità del soggiorno nella nostra città da parte dei turisti e dei visitatori occasionali e, cosa non meno importante, a rasserenare i genitori di tanti adolescenti e giovani agrigentini, fortemente preoccupati per il contesto di violenza che alcuni facinorosi, nei mesi e negli anni scorsi, erano riusciti a creare a San Leone”.

E proprio in ragione di questa riflessione il “grazie” di Arnone “per questo impegno di civiltà, oltre che al Questore di Agrigento, alle Forze dell’Ordine, all’Assessore Franco Iacono ed ai Vigili Urbani, va esteso anche al Consiglio Comunale, cui va dato il merito di aver approvato il regolamento contro i cosiddetti locali fracassoni”.