Famiglia e concittadina da guinness a Castrofilippo.

Un riconoscimento comunale per un esempio di famiglia più unico che raro. Per queste ferie estive, all’assessore comunale per i rapporti con gli emigrati, Rosario Serravillo, non è passato inosservato il nucleo familiare che abbraccia ben cinque generazioni. Si tratta della famiglia Giglia, residente in Svizzera ma originaria di Castrofilippo al quale Serravillo ha donato, durante la permanenza in paese, una targa per rimarcare “la loro unione sotto un valore sempre più svalutato come il focolare domestico”. L’ultimo arrivato è Giuseppe, sei mesi, che, all’estremo della discendenza, può vantare l’affetto di una trisavola, Rosaria Cacioppo, 80 anni portati bene. La bisnonna Fifa ha 61 anni, la nonna Agata ne ha 43, mentre la mamma Caterina è una giovane ragazza di 24 anni. “Godere di cinque generazioni in vita è una gran bella fortuna – ha dichiarato l’assessore Serravillo -, coronata dall’amore che solo la famiglia può concedere. Ai nostri emigrati rivolgiamo l’augurio di felicità e l’apprezzamento del paese che ha fondato la sua storia su questi valori senza tempo”. Intanto l’amministrazione comunale di Castrofilippo è pronta a festeggiare un altro importante avvenimento: i 100 anni di Isabella Brutto, una concittadina nata il 28 agosto del 1909. Oltre ad un maxi omaggio floreale di 100 rose, il sindaco Salvatore Ippolito ha preparato per la centenaria una serata di festa che si terrà in piazza Savatteri. Dopo la messa dal sagrato della Chiesa del “Cuore di Gesù”, sarà offerta agli intervenuti una torta, mentre una compagnia teatrale reciterà testi di Pirandello.Famiglia e concittadina da guinness a Castrofilippo.