Lauricella: “Situazione igienica preoccupante”

“Invito il Sindaco Marco Zambuto a tenere sotto controllo la situazione igienico-sanitaria della città di Agrigento e dei suoi quartieri perché potrebbe essere pregiudizievole alla salute dei cittadini, soprattutto, a causa del proliferare dei parassiti, dei topi e degli insetti portatori di malattie quali la rickettsiosi, la leishmaniosi e la leptospirosi”.

L’allarme è lanciato dal consigliere comunale del PD Salvatore Lauricella che si fa portavoce delle numerose segnalazioni sulla situazione igienico sanitaria provenienti dalle frazioni di Villaseta, Monserrato, Fontanelle, San Michele, Giardina Gallotti, Montaperto, Villaggio Mosè, San Leone, Maddalusa, Villaggio Peruzzo, Zingarello e dai quartieri della città i quali rivendicano interventi urgenti di disinfestazione, disinfezione, decespugliamento e di derattizzazione.

“Sono a conoscenza delle attività poste in essere dall’Amministrazione Comunale presieduta dal Sindaco Marco Zambuto – dice Lauricella –  apprezzo gli sforzi e l’attivismo dell’Assessore Rosalda Passarello, ritengo, tuttavia, che gli interventi realizzati vadano reiterati periodicamente al fine di creare le condizioni per l’abbattimento definitivo di situazioni sedimentate negli anni e spezzare la catena riproduttiva dei parassiti intervenendo in tutti gli stadi dello sviluppo degli insetti dal larvale  all’adulto. Personalmente ritengo che i problemi igienico sanitari della città di Agrigento e dei suoi quartieri si risolvono attraverso la capacità di tenere sotto controllo il territorio.

E’ assolutamente necessario che le ditte incaricate dall’Amministrazione comunale realizzino, in tempo utile, interventi larvicidi e di prevenzione per evitare il proliferare delle zanzare soprattutto nella stagione estiva.

Per tutti questi motivi e per il bene della città invito, quindi, l’Amministrazione comunale presieduta dal Sindaco Marco Zambuto a seguire con dedizione e costanza la carente situazione igienico sanitaria che affligge la città di Agrigento e le sue frazioni” conclude Lauricella.