Metanizzazione a Favara, intervento del consigliere Luigi Sferrazza

“Apprendo con soddisfazione che la Giunta Comunale, ha, finalmente,  approvato l’esito della gara per la metanizzazione a Favara con la scelta della società a cui affidare la realizzazione del progetto e la concessione del relativo servizio. Anche se questa decisione arriva con qualche ritardo rispetto ai tempi previsti, tuttavia mette definitivamente  la parola fine ad una triste vicenda iniziata venti anni fa quando i protagonisti della prima repubblica favarese hanno impantanato Favara in un pastrocco amministrativo che la ha esclusa dalle opportunità della metanizzazione”.

Lo dichiara Luigi Sferrazza, consigliere comunale di Favara.

“Ci sono volute la maestria e la profonda conoscenza del diritto della pubblica amministrazione di Giovanni Panepinto, Segretario e Direttore generale di questa città qualche anno fa,  per sbrogliare la matassa ed indicare all’allora sindaco Lorenzo Airò la strada da seguire. Oggi l’amministrazione di Russello, dando seguito a quei deliberati ed a quella impostazione chiude la vicenda e apre per Favara una importante fase che in pochi anni porterà alla creazione della importante rete di servizio” prosegue Sferrazza.

“Dopo l’approvazione da parte del consiglio Comunale dello schema di massima del PRG , la delibera sulla metanizzazione è un ulteriore segnale positivo per la città…qualcosa si muove. Ora altri importanti appuntamenti aspettano il Consiglio Comunale e il Sindaco con la sua Giunta.

Nessuno può sfuggire al dovere di un dialogo fattivo sulle cose da fare; Una buona e qualificata maggioranza del Consiglio Comunale (che ha condizionato positivamente l’approvazione dello schema di massima del PRG) ha mostrato di volere lavorare sulle cose concrete che la città si aspetta; ma l’apertura di una fase feconda per la città esige il dialogo fattivo tra Consiglio e amministrazione attiva. Questo dialogo in questa legislatura non si è riuscito ancora a dispiegarlo: vorremmo volere  credere che nei prossimo giorni si possa avviare” conclude Sferrazza.