Il Presidente D’Orsi riceve delegazione personale ATA e sindacati

banchi-scuola“La protesta del personale ATA precario è pienamente condivisibile: non possiamo permettere ulteriori danni economici a famiglie già duramente provate dalla crisi, e ci attiveremo per scongiurarli”.

Con queste parole il Presidente della Provincia Eugenio D’Orsi ha riassunto i contenuti dell’incontro che questa mattina ha avuto con una delegazione del personale ATA e dei sindacati per affrontare il grave problema dei contratti che dal prossimo mese di settembre non saranno più rinnovati.

“Stiamo lavorando su due canali – ha detto D’Orsi –  per tentare di risolvere questa gravissima situazione, che toglie serenità a tante famiglie: da un lato, attraverso il ministro Alfano, chiederemo un intervento del ministro Gelmini. Dall’altro, attraverso il Presidente Lombardo, chiederemo garanzie anche in sede regionale. Una cosa è certa: non lasceremo da soli i precari ATA in questa battaglia per il riconoscimento dei loro diritti”.

E sulla vicenda dei tagli al personale della scuola che nella nostra provincia interessa circa 150 lavoratori ATA,  interviene il  vicepresidente del consiglio provinciale e consigliere PD, Piero Giglione: “La pubblica istruzione subisce ancora una volta un attacco senza precedenti: la politica deve tutelare i lavoratori che presto rimarranno senza stipendio. Le scelte del governo – dice Giglione – penalizzano e mortificano il Sud, per di più in un momento di crisi profonda, con il massiccio ricorso alla cassa integrazione. Dobbiamo garantire i posti di lavoro, in tutti i modi, e la politica deve esercitare le giuste pressioni nei confronti del governo affinchè si riveda questa scelta iniqua per i lavoratori della scuola. Il Consiglio provinciale si è già espresso con una mozione che impegna il Presidente della Provincia ad attivarsi in tal senso