Acqua, 124mila contatori da installare in provincia

Approvato questa mattina, nel corso di una Conferenza speciale dei servizi, che si è tenuta presso il Genio civile di Agrigento,  il progetto per la installazione dei contatori per tutte le utenze idriche  dei 43 comuni della Provincia di Agrigento

L’importo dei lavori, che dovranno essere realizzati entro 420 giorni,  ammonta a complessivi euro €.10.584.626,03. I contatori da installare sono 124 mila. La collocazione di ciascun contatore mediamente costerà  quindi circa 85 euro. Spesa, a carico di “Girgenti acque”,  che comprende  fra l’altro anche i lavori di ripristino del manto stradale e  la  relativa raccorderia.

Alla conferenza, presieduta dal  Capo del Genio Civile Rino La Mendola hanno preso i dirigenti dell’Ufficio, gli ingegneri  Lorenzo Calamo,  che ha curato l’istruttoria e  Valerio Zambito;  l’ing. Giuseppe Milano, nella qualità di Rup, l’Ing. Bernardo Barone,  per l’ATO e l’ing.  Calogero Sala, in rappresentanza di “Girgenti Acque”.

“Con la installazione dei contatori, dice l’arch. La Mendola, finalmente gli utenti pagheranno l’acqua che effettivamente consumano e non come accade attualmente forfettariamente”.

Descrizione dei lavori

L’intervento prevede l’adeguamento dei punti di consegna idrica tramite l’installazione di nuovi contatori per le utenze censite non ancora servite con gruppo di misura e la sostituzione dei contatori vetusti ed in cattivo stato di manutenzione. L’intervento interessa le utenze idriche dei 43 comuni appartenenti all’ATO di Agrigento, così come individuate nel Primo Piano operativo triennale POT1 di attuazione del Piano d’Ambito.

La configurazione obiettivo del Servizio Idrico Integrato prevede che “tutte le utenze ordinarie per uso civile-potabile siano servite esclusivamente a contatore ed i corrispondenti contratti siano preferibilmente intestati a chi ha la detenzione, il possesso o l’uso delle singole unità immobiliari (utenze divisionali)”.

Con l’intervento in progetto il Gestore provvede alla sostituzione dei gruppi di misura, promuovendo altresì la modifica dei contratti esistenti, per adeguare il sistema alla configurazione obiettivo sopra descritta.

Con l’esecuzione degli interventi previsti nel presente progetto si raggiunge l’obiettivo di completare il parco dei contatori a servizio delle utenze sprovviste (presuntivamente stimati dal piano d’ambito in n.26.303 contatori) e di sostituire n. 98596 contatori non funzionanti e/o vetusti, pari al 70 % circa del parco contatori esistenti I lavori consistono essenzialmente nell’installazione e/o sostituzione di contatori idrici del dn compreso tra mezzo pollice ed un pollice, in modo da completare e rinnovare il parco dei misuratori idrici.

Il gruppo di misura per l’installazione dei contatore è costituito dagli apparati di seguito elencati:

a)       Rubinetti di arresto di monte e di valle. Tali valvole di intercettazione devono possedere tenuta perfetta ed essere idonee alla pressione d’esercizio dell’acquedotto, in ogni caso con pressione nominale non inferiore a 16 bar. A monte del contatore è previsto l’impiego di una valvola con sistema a flusso minimo garantito, che consente al Gestore, in caso di utenza morosa, il blocco della farfalla in posizione aperta/flusso minimo garantendo, in ogni caso, un flusso d’acqua necessario a soddisfare il minimo fabbisogno quotidiano.

b)     Contatori. Saranno installati contatori a turbina, a getto multiplo, quadrante bagnato, con lettura diretta a rulli numeratori, conformi e certificati alla Direttiva 2004/22/CE, relativa agli strumenti di misura di cui al D.Lgs. 02/02/2007 o omologato CEE/ISO 75/33, di classe metrologica C.;

c)     Valvola di ritegno: apparecchio che consente il passaggio dell’acqua in un solo verso ed ha lo scopo di evitare il riflusso verso la rete di distribuzione dell’acqua già transitata attraverso il contatore.

d)     Giunto dielettrico, nel caso di installazione a servizio di impianti con tubazioni in materiale ferroso.

I lavori prevedono altresì l’adeguamento dei gruppi di misura esistenti con la sostituzione della raccorderiae delle valvole che dovesse risultare all’atto della sostituzione dei contatori danneggiata o non adeguata alle norme di riferimento.