“Più attenzione alla Scala dei Turchi”, appello del Consorzio Valle dei Templi

scala dei turchiLettera Aperta
Al Presidente della Provincia
Prof. Eugenio D’Orsi
All’Assessore Provinciale al Turismo
Dott. Carmelo Pace
Al Sindaco di Realmonte
Dott. Giuseppe Farruggia
All’Assessore al Turismo di Realmonte
Prof. Paolo Salemi
Al Presidente della Pro-Loco Realmonte
Sig. Angelo Di Lucia
Alla Stampa
Scala dei Turchi Fenomeno da gestire
Nel corso degli anni abbiamo potuto verificare la costante crescita di interesse da parte dei turisti
all’esclusiva area marina della Scala dei Turchi e ciò oggi è confermato sia dalle enormi masse che
si riversano nel sito ma anche dalle statistiche rilevate all’INFO POINT TURISTICO, che il
Consorzio ha aperto nella Valle dei Templi, attraverso cui emerge che la richiesta di informazioni su
come raggiungere la Scala dei Turchi è pari al numero di persone che chiede dove comprare il
biglietto della Valle dei Templi.
L’interesse per la Scala dei Turchi, cresciuto oltre ogni più rosea aspettativa, si sta rivelando, oggi,
un autentico fenomeno che non interessa più solo i pochi cultori del bello ed amanti della natura ma
sta sempre più interessando le masse che si riversano nel sito alla scoperta di questo singolare ed
esclusivo angolo di paradiso.
Questo fenomeno, non programmato, si può però trasformare in un boomerang poiché essendo
ormai elevate le masse di fruitori interessati all’area ed essendo poco programmato l’afflusso si
vengono a determinare tutti quei problemi derivanti dall’improvvisazione e dal fai da te che
diventano poi autentici disagi per il territorio sia nella fruizione dei residenti che dei turisti che,
anzicchè godere dell’impareggiabile bellezza del sito, cominciano a maledire il momento in cui
hanno deciso di visitare l’area tornando a casa con un bruttissimo ricordo.
Ieri ad esempio, nell’orario di punta pomeridiana intorno alle 17,00 , si è verificato un blocco al
transito, dovuto al restringimento della carreggiata per via del parcheggio delle autovetture sia a
destra che a sinistra, che ha impegnato gli avventori per parecchio tempo nel tentativo di convincere
alcuni automobilisti a fare retromarcia per sbloccare il passaggio con conseguenze anche legate a
danneggiamenti alle autovetture parcheggiate e con turisti che hanno inveito per tutto il tempo per
l’assoluta mancanza di forze dell’ordine che avrebbero dovuto controllare il traffico.
Eppure il fenomeno Scala dei Turchi oggi potrebbe rappresentare un nuovo strumento per
sviluppare economia turistica per il territorio con elevate possibilità di impiego di risorse umane.
Consorzio Turistico Valle dei Templi
Ufficio del Presidente Gaetano Pendolino cell. 329-7311626
www.consorziovalledeitempli.it presidenza@consorziovalledeitempli.it
Un così straordinario fenomeno non può essere lasciato in balia del vento e senza un ordinato
controllo del territorio e delle risorse anche perchè in questo modo nel tempo avverrà la
“consumazione” del fenomeno e della risorsa senza che ciò abbia prodotto nessun beneficio per il
territorio e per i suoi abitanti.
Pertanto riconoscendo la pragmatica ed attenta attività degli amministratori cui la presente è
indirizzata si chiede la convocazione di una conferenza di servizi per discutere sulle seguenti
tematiche che potrebbero migliorare la fruizione dell’area con il duplice obiettivo della salvaguardia
del sito e lo sviluppo ecosostenibile del fenomeno che apporti economie e ricchezza al territorio
interessato :
● immediata individuazione di un’area da destinare a parcheggio a pagamento
● istituzione di un bus navetta che dall’area di parcheggio porti all’accesso principale per la
Scala dei Turchi
● istituzione di un bus navetta estivo da Agrigento alla Scala dei Turchi passando per Lido
Azzurro
● inibizione all’accesso carrabile della traversa di accesso alla Scala dei Turchi
● realizzazione di un percorso di accesso guidato e semplificato che dall’area carrabile porti
alla Scala dei Turchi
● istituzione dei divieti di sosta nelle carreggiate della strada provinciale che da Punta Grande
arriva fino all’area di parcheggio individuata
● adeguato controllo della viabilità da parte della Polizia Provinciale e Comunale
● adeguato posizionamento della segnaletica turistica che da Agrigento porti all’area
parcheggio Scala dei Turchi dove parcheggiare e utilizzare il bus navetta
● consolidamento dell’area destinata a belvedere per consentire ai turisti di effettuare foto e
godere dello splendido panorama
L’adeguata programmazione della fruizione della Scala dei Turchi unita alla fruizione della
Cattedrale del sale della Miniera di Realmonte può divenire l’economia principale dell’intera area
che circonda i 2 siti ormai divenuti di grande interesse turistico.
In attesa di conoscere le Vostre determinazioni si rimane in attesa di una convocazione mentre fin
d’ora si manifesta la disponibilità di questo Consorzio a predisporre adeguato progetto di sviluppo
turistico strettamente connesso alle risorse appena analizzate.
Agrigento 17 agosto 2009 Il Presidente del CDA
Gaetano Pendolino