Si prepara il gran finale per l’ultima replica di Notre Dame de Paris

Lunedì 10 agosto la Notte di San Lorenzo vedrà l’ultima rappresentazione ad Agrigento del Notre Dame de Paris. E per salutare degnamente il cast è stata organizzata una serata davvero speciale. I Sapori del Mito con degustazioni in teatro, Son et Lumiére: spettacolo di musica e luci ed una tariffa speciale per le tribune laterali a 20 euro. L’opera di Cocciante prodotta da David Zard sarà per l’ultima volta sotto la collina dei templi in un allestimento che, come sempre, prevede una struttura imponente con un palcoscenico di oltre 30 metri. Un’opera, quella di Cocciante, molto legata ad Agrigento dove venne rappresentata nell’estate del 2002 quando aveva appena esordito a Roma. Fu uno spettacolo caratterizzato da un pubblico delle grandi occasioni, lo stesso pubblico che ha poi chiesto con infinite lettere alla produzione ed ottenuto il ritorno nell’isola. Questa volta la gente ha la possibilità di rivedere uno spettacolo di cui ormai conosce ogni cosa: scenografie, interpretazioni, musica. Ma per molti che non lo hanno ancora visto c’è tantissima curiosità. Chi ha amato Notre Dame è rimasto folgorato a suo tempo. Adesso è alla ricerca delle stesse atmosfere che vengono riproposte tali e quali. Emozioni che il nuovo cast di Notre Dame de Paris è riuscito a regalare già dalla prima di giovedì sera. Rispetto al 2002 l’opera non mostra i segni del tempo e appare anzi come un meccanismo perfettamente rodato. La voce di Matteo Setti, il primo personaggio ad irrompere sulla scena, lo stesso che già cantava nel 2002 e che ha raggiunto quota 600 repliche; la nuova Esmeralda interpretata da una sorprendente Sabrina De Siena (definita da David Zard la più bella voce che il personaggio abbia finora avuto); l’ottima interpretazione di Luca Maggiore nel ruolo di Quasimodo hanno ricreato le medesime suggestioni che il pubblico agrigentino ha vissuto sette anni fa. «Torniamo ad Agrigento – ha detto Matteo Setti – dove è cominciata la nostra avventura che ci ha portati ad un successo oltre ogni limite. Anche se ho partecipato a circa 600 repliche, l’emozione è sempre la stessa perché il personaggio che interpreto ha tanto da offrire. E’ una continua riscoperta». Sabrina De Siena è la nuova Esmeralda nel ruolo che fu di Lola Ponce e Rosalia Misseri. E’ arrivata al Notre Dame nell’estate del 2008 dopo l’esperienza con Dracula. «Esmeralda – dice Sabrina – è un personaggio molto divertente da interpretare perchè è una ragazza vivace e simpatica, con una sensualità che non sa di avere. Non è insomma la classica “vamp”, anche se alla fine fa innamorare metà cast senza neanche accorgersene. L’esperienza in Sicilia e nella Valle dei Templi mi mancava e sinceramente non vedevo l’ora di scoprire questo luogo meraviglioso». «Il Notre Dame di oggi – dice il produttore David Zard – presenta importanti novità ed è amato dal pubblico come allora. E’ uno spettacolo che ha dei costi molto elevati ma che consente di creare occupazione in tutte le location in cui viene allestito. Per le operazioni di allestimento della struttura e per il servizio hostess utilizziamo sempre manodopera locale mentre spendiamo migliaia di euro per l’alloggio dell’intera produzione negli alberghi della città». Per i biglietti basta telefonare allo 0922/401537.