SGD, nota dei consiglieri comunali di Agrigento

Anche i consiglieri comunali Francesco Alfano, Roberto Calì, Giuseppe Putrone, Alessandro Sollano, Luca Spinnato e Carmela Vaiana plaudono all’iniziativa del governo nazionale di inviare ad Agrigento il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, per la soluzione della vicenda del “San Giovanni di Dio”. “La venuta ad Agrigento di Bertolaso, nonostante le emergenze in Abruzzo, significa che l’attenzione del governo nazionale sul nostro Ospedale è alta. Dopo il vertice di ieri in Prefettura, alla presenza tra gli altri del ministro Alfano e dell’assessore regionale alla Sanità Russo, siamo più tranquilli perché c’è un impegno formale dello stato: Agrigento non perderà il suo Ospedale. E’ una soluzione eccellente che garantisce il diritto alla salute ai cittadini agrigentini e non ma soprattutto, grazie alla preziosa e fattiva collaborazione della Protezione civile, si salvaguarda la sicurezza dei ricoverati”.
La trattazione della proposta di delibera del bilancio di previsione 2009 è stata al centro del dibattito della seduta di ieri sera con l’Aula impegnata nella discussione degli emendamenti. Prima dell’ approfondimento e dopo le formalità di rito, l’assessore comunale al “Bilancio” Giovanni Volpe, ha illustrato lo strumento finanziario affermando che il “quello in discussione si colloca entro i termini del patto di stabilità. E’ un bilancio rigido –ha sottolineato Volpe – che risente del periodo congiunturale ma, nonostante tutto, presenta una serie di elementi che fanno capire come il momento di crisi sia superato. Il bilancio – ha continuato l’assessore – rispecchia la realtà dell’ Ente: è essenziale ed austero”. Il sindaco, Marco Zambuto, ha dato una positiva valutazione politica al Bilancio affermando che “i conti sono a posto grazie all’azione virtuosa messa in atto e soprattutto in virtù di una gestione mirata solo e nell’esclusivo interesse della Città”. Dopo l’intervento del sindaco è seguito quello del consigliere Cirino, presidente della commissione consiliare “Bilancio”, che dall’esame dello strumento finanziario, ha rilevato delle “criticità con la Città chiamata a giudicare per gli obiettivi che saranno raggiunti”. Successivamente il presidente, Carmelo Callari, ha posto in votazione una mozione del vice presidente Marchetta che ha chiesto alla Presidenza una sospensione dei lavori di 10 minuti; tale proposta è stata votata a maggioranza e alla ripresa è seguita la trattazione degli emendamenti. Quello contraddistinto con il numero uno, primo firmatario Carmelo Callari, avente come oggetto la istituzione nel bilancio di un capitolo di spesa per favorire la messa in sicurezza degli immobili fatiscenti ricadenti nel centro storico della città è stato approvato ad unanimità. Anche quello relativo all’inserimento della nostra città in un circuito culturale regionale è stato approvato a maggioranza mentre la trattazione del terzo emendamento, dopo un’articolato dibattito proseguirà questa sera per la seconda delle tre sedute programmate per l’approvazione del bilancio di previsione 2009.