Sequestro SGD, intervento delle ACLI

Nicola_Perricone_acliLe Acli di Agrigento chiedono una soluzione immediata e concreta al fine di garantire il diritto alla cura ed alla salute.

“I cittadini e le famiglie di Agrigento e dei comuni limitrofi devono essere tutelate e rassicurate rispetto al diritto alla cura ed alla salute” dice Nicola Peritore. “Ritengo che alla disposizione di chiusura dell’ospedale occorre trovare un’alternativa concreta ed immediata per l’importanza che riveste il diritto alla salute in una comunità civile moderna ed evoluta. Condividiamo le iniziative politico-istituzionali che il sindaco Marco Zambuto sta ponendo in essere per trovare una soluzione concreta che allievi il disagio delle famiglie agrigentine e crei i presupposti per un intervento forte e risolutivo. Le ipotesi sino ad ora formulate devo essere accuratamente vagliate non perdendo di vista l’eventuale utilizzazione, per alcuni reparti, dei vecchi locali che ospitavano l’ospedale in via Giovanni XXIII”. In questo stato di emergenza i cittadini vanno rassicurati che il servizio sanitario avrà una continuità nella città di Agrigento ed auspichiamo che non vi siano interventi tampone ma risolutivi ed immediati.