Ospedale a rischio crollo, ecco la lista dei ventidue indagati

Tribunale di AgrigentoSono 22 le persone coinvolte nell’inchiesta sulla costruzione dell’ospedale. Le ipotesi di accusa sono quelle di associazione per delinquere, abuso d’ufficio, omissione atti d’ufficio, favoreggiamento e truffa. Gli indagati: Antonio Raia, di Ravanusa, direttore lavori; Gaetano D’Antoni, di Palermo, ex manager della struttura ospedaliera; Salvatore Pirrone, Rocamena, di Roccamena, collaudatore; Francesco Iovino, Lercara Friddi, collaudatore; Giancarlo Manenti, Modica; Daniela Faraoni, Santa Caterina Villaermosa, dirigente Azienda ospedaliera come Gerlando Sciumè, di Favara; Orazio Aleo, Addis Abeba, dirigente Regione Siciliana; Giuseppe Talamona, Palermo, ex capo Genio Civile Agrigento; Giuseppe Fiore, di Palermo, Giuseppina Cannata, di Melilli, Ferruccio Ferrara, Palermo; Massimo Rinaldi, Palermo; Michele Bartolozzi, San Cataldo, 1941; Filippo Pollicino, Palermo; Francesco Paolo Busalacchi, Palermo; Adolfo Lisegni, Camporotondo Etneo; Fulvio Bellomo, Palermo, Francesco Miccichè, tecnico, Agrigento. Questi tutti tecnici, collaudatori, manager e dirigenti. Nel mirino dell’inchiesta anche alcuni noti imprenditori di Agrigento: Salvatore Bruccoleri, Antonino Guaia e Marco Campione.