L’ATO AI SINDACI

logo_ATOGESA

Colpo di scena all’ATO.

Tutti a casa i componenti del vecchio CDA, totalmente azzerato.

Il nuovo presidente è Francesco Truglio, un vero manager del settore già presidente dell’ATO Belice che risulta essere più attivo di tutta la Sicilia.

Il vecchio consiglio di amministrazione è sparito del tutto e i quattro componenti nel nuovo CDA sono tutti sindaci che hanno rinunciato all’indennità di carica e a tutti i proventi provenienti dall’ATO GESA 2.

Ne fanno parte il sindaco di Agrigento  Marco Zambuto che è anche il vice presidente, Silvio Cuffaro sindaco di Raffadali, Paolo Pilato sindaco di Grotte, Calogero Firetto sindaco di Porto Empedocle.

La scelta di nominare dei sindaci nel CDA che scendono in campo in prima persona per risolvere i problemi delle città e della gente è una vera e propria rivoluzione che pone la parola “fine” ai ricatti e ai condizionamenti politici che provenivano dall’alto.

Il nuovo CDA ha subito individuato tre obiettivi primari da raggiungere in brevissimo tempo.

In prima battuta la pubblicazione del nuovo bando che riguarda la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti; e il secondo obiettivo una sensibile riduzione delle bollette e per finire l’aumento della raccolta differenziata.

Ma intanto c’è chi solleva dei dubbi di incompatibilità sulla carica che andranno a rivestire i sindaci nel CDA per il fatto che si troverebbero, allo stesso tempo, in una situazione di controllori e controllati.