Alla scoperta delle antiche ferrovie agrigentine: nasce Ferrovie Kaos

Si è costituita ad Agrigento una nuova associazione culturale e di attività ferroviaria denominata “Ferrovie Kaos”. Diversi appassionati di ferrovie (sia dismesse che ancora in esercizio) hanno voluto associarsi per porre in essere tutte quelle iniziative volte alla salvaguardia e alla promozione del nostro antico patrimonio ferroviario. La prima assemblea dei Soci ha eletto come Presidente l’agrigentino  Pietro Fattori, giornalista e docente.

ferroviekaos1Ferrovie Kaos, (dall’arabo cavusu ovvero insenatura, in omaggio ai luoghi che furono del nostro drammaturgo Pirandello che trovò i natali in una casa di campagna ubicata nell’omonima contrada) ha in cantiere diverse iniziative: il recupero, la salvaguardia e la successiva fruizione in chiave turistico-museale delle antiche stazioni ferroviarie della Provincia di Agrigento, l’organizzazione di treni storici nella valle dei templi, eventi culturali quali convegni e mostre fotografiche e, per la gioia dei tanti appassionati, la promozione della cultura del “fermodellismo”.

“La storia delle nostre ferrovie – ha detto il Presidente di Ferrovie Kaos Pietro Fattori – è estremamente affascinante: basti pensare alla sfortunata linea ferroviaria “Porto Empedocle – Castelvetrano”, panoramicissima, ricca di storia, eppure chiusa all’esercizio nel 1978 e da allora, abbandonata al proprio destino. Noi intendiamo recuperare quantomeno la memoria storica di queste meravigliose opere di ingegneria ferroviaria e, laddove sia possibile, collaborare con gli enti preposti per valutare le condizioni di una possibile riapertura all’esercizio di alcuni tratti di ferrovia dismessa per così  offrire ai turisti l’opportunità di visitare luoghi di straordinaria bellezza, non raggiungibili con altri mezzi se non con il vettore ferroviario”.ferroviekaos2

Ferrovie Kaos, in tal senso, collaborerà con altre associazioni della Sicilia come la palermitana “Trenodoc” presieduta dall’ingegnere Fabio Settimo Marineo,  che, com’è noto, è impegnata, insieme all’amministrazione comunale di Castelvetrano e a RFI, nel recupero della linea ferroviaria a scartamento ridotto fino all’area archeologica di Selinunte, procedendo altresì al restauro dei rotabili storici.

ferroviekaos3“La nostra associazione – continua Pietro Fattori – ha già avviato diversi contatti con le amministrazioni comunali della provincia, ed in particolare, con il sindaco di Porto Empedocle Lillo Firetto, che ha dimostrato particolare interesse per le nostre proposte. Proprio a Porto Empedocle, prossimamente, presenteremo l’associazione alla stampa, consegnando, inoltre, al sindaco Firetto e al maestro Andrea Camilleri (noto appassionato di ferrovie), la tessera di soci onorari di Ferrovie Kaos”.

Sempre nel corso dell’assemblea sono stati eletti: Nino Mistretta Vice Presidente, Gaetano Zuppardo segretario ed Ignazio Gueli, tesoriere. Per adesioni è possibile scrivere all’indirizzo ferroviekaos@email.it o telefonare al 3299570774