Hamel, conferenza stampa sul PRG

Il Capogruppo Consiliare e portavoce provinciale del Partito di ITALIA DEI VALORI, Nello Hamel,  ha tenuto una conferenza stampa per denunciare i ritardi e le omissioni dell’iter di approvazione ed operatività del piano regolatore generale del Comune di Agrigento.
Secondo Hamel non è vero che  con la decorrenza dei termini il PRG di Agrigento  sia diventato operativo in quanto, a causa della mancanza delle prescrizioni esecutive, in atto non può essere rilasciata alcuna concessione od autorizzazione (tranne che per situazioni minimali  quali lotti interclusi, etc) e pertanto  ogni attività edilizia privata è di fatto impossibile.
Inoltre non sarebbe vero che  il progetto di piano regolatore approvato dal Consiglio Comunale  nel 2005 sarà il PRG definitivo che  regolerà lo sviluppo urbanistico della città di Agrigento. Ciò perché  l’imminente esame del Comitato Regionale per l’Urbanistica taglierà molte parti del PRG e non tutte le scelte effettuate dal Consiglio Comunale, a conclusione dell’iter,   saranno attuabili ed operative.
“La redazione delle prescrizioni esecutive, che potrebbero essere definite in un mese, è ferma da anni per indolenza e mancanza di volontà in quanto non è stata sollecitata,  con forza ed autorevolezza, ai progettisti” ha dichiarato Hamel che infine denuncia come la redazione delle prescrizioni esecutive, elemento indispensabile per l’operatività del piano,   potrebbe anche  essere inibita dalla mancanza di un adeguato stanziamento nel bilancio di previsione per il 2009  nel quale non sembra che sia stata  inserita la spesa di 400.000,00  per il pagamento  del gruppo di progettazione.
“Tutti questi  aspetti – dice Hamel – rendono virtuale  ed assolutamente inverosimile la prospettiva per la quale la città di Agrigento possa dotarsi, in tempi rapidi, di uno strumento urbanistico valido ed operativo. La città resta ancora per lungo tempo pesantemente bloccata nella sua economia e le aspettative dei cittadini di poter  edificare  rispettando la legge  resteranno ancora una pia illusione alimentata da dichiarazioni     alle quali non corrisponde  alcuna iniziativa concreta  o intervento finalizzato a sbloccare  l’inter del piano regolatore”.
Per questi motivi  il Capogruppo di Italia dei Valori, formulerà una dettagliata interrogazione al Sindaco di Agrigento e chiederà l’istituzione di un gruppo di lavoro  che dovrà seguire   giornalmente   i problemi legati alla definizione del PRG  ed  impostare le strategie  necessarie per  costringere  gli organismi regionali  a pronunciarsi definitivamente ed i progettisti ad esitare  le prescrizioni esecutive in tempi rapidissimi..

Il Capogruppo Consiliare e portavoce provinciale del Partito di Italia dei Valori, Nello Hamel,  ha tenuto una conferenza stampa per denunciare i ritardi e le omissioni dell’iter di approvazione ed operatività del piano regolatore generale del Comune di Agrigento.

Secondo Hamel non è vero che  con la decorrenza dei termini il PRG di Agrigento  sia diventato operativo in quanto, a causa della mancanza delle prescrizioni esecutive, in atto non può essere rilasciata alcuna concessione od autorizzazione (tranne che per situazioni minimali  quali lotti interclusi, etc) e pertanto  ogni attività edilizia privata è di fatto impossibile.

Inoltre non sarebbe vero che  il progetto di piano regolatore approvato dal Consiglio Comunale  nel 2005 sarà il PRG definitivo che  regolerà lo sviluppo urbanistico della città di Agrigento. Ciò perché  l’imminente esame del Comitato Regionale per l’Urbanistica taglierà molte parti del PRG e non tutte le scelte effettuate dal Consiglio Comunale, a conclusione dell’iter,   saranno attuabili ed operative.

“La redazione delle prescrizioni esecutive, che potrebbero essere definite in un mese, è ferma da anni per indolenza e mancanza di volontà in quanto non è stata sollecitata,  con forza ed autorevolezza, ai progettisti” ha dichiarato Hamel che infine denuncia come la redazione delle prescrizioni esecutive, elemento indispensabile per l’operatività del piano,   potrebbe anche  essere inibita dalla mancanza di un adeguato stanziamento nel bilancio di previsione per il 2009  nel quale non sembra che sia stata  inserita la spesa di 400.000,00  per il pagamento  del gruppo di progettazione.

“Tutti questi  aspetti – dice Hamel – rendono virtuale  ed assolutamente inverosimile la prospettiva per la quale la città di Agrigento possa dotarsi, in tempi rapidi, di uno strumento urbanistico valido ed operativo. La città resta ancora per lungo tempo pesantemente bloccata nella sua economia e le aspettative dei cittadini di poter  edificare  rispettando la legge  resteranno ancora una pia illusione alimentata da dichiarazioni     alle quali non corrisponde  alcuna iniziativa concreta  o intervento finalizzato a sbloccare  l’inter del piano regolatore”.

Per questi motivi  il Capogruppo di Italia dei Valori, formulerà una dettagliata interrogazione al Sindaco di Agrigento e chiederà l’istituzione di un gruppo di lavoro  che dovrà seguire   giornalmente   i problemi legati alla definizione del PRG  ed  impostare le strategie  necessarie per  costringere  gli organismi regionali  a pronunciarsi definitivamente ed i progettisti ad esitare  le prescrizioni esecutive in tempi rapidissimi.